I compiti per le vacanze servono o no? Stampa
Opinioni - Scuola
Scritto da Administrator   
Lunedì 08 Giugno 2015 13:08

Quello sull'utilità o meno dei compiti per le vacanze è uno dei dilemmi più ricorrenti (e irrisolti...) al termine di ogni anno scolastico.

Anna La Prova, psicologa e psicoterapeuta ad orientamento cognitivo-comportamentale, mi invia il suo parere autorevole che vi invito a leggere, come utile spunto per una riflessione completa sull'argomento.

"Se i compiti sono importanti per l’apprendimento, le vacanze lo sono altrettanto, se non ancora di più. Sicuramente il momento dei compiti a casa è utile al bambino/ragazzo per avere la possibilità di un momento di rielaborazione personale di quanto appreso in classe, così come anche per essere allenato ad avere un piccolo impegno.

Tuttavia le vacanze sono utili all’apprendimento almeno quanto i compiti. Non soltanto perché, come possiamo intuire, il fare pausa permette di ricaricare le batterie ed essere quindi nuovamente pronti ad un nuovo impegno, ma soprattutto perché è proprio durante la pausa, mentre spostiamo l’attenzione su altro, che la nostra mente ha modo di rielaborare in maniera più approfondita certi concetti appresi.

Sarà capitato a tutti noi di incaponirci su un problema in maniera focalizzata e non riuscire a risolverlo e di trovare, quasi magicamente la soluzione, proprio nel momento in cui ci siamo distratti, pensando ad altro. Ecco non è una magia: la nostra mente funziona così, ha bisogno di momenti di totale distanziamento dal compito di apprendimento per poterlo “digerire”, rielaborare in maniera approfondita.

Detto questo, cosa possiamo suggerire alle famiglie di bambini che hanno compiti per le vacanze?

Innanzitutto una bella pausa relativamente lunga di almeno 1 settimana 10 gg alla chiusura della scuola, in modo da permettere un salutare distacco da tutto ciò che è stato appreso. Suddividere poi l’impegno dei compiti in modo costante e strutturato: ad es. 2 giorni a settimana dedicati ai compiti, in span temporali ben precisi: 20 min poi 5 di pausa per un paio d’ore. Questo permette non solo di aggredire in maniera più agile i compiti, ma anche di favorire quel processo di elaborazione inconsapevole, che avviene proprio durante le pause, di cui dicevo prima. A seconda dell’età del bambino chiaramente questi tempi vanno calibrati in maniera specifica.

E i libri per le vacanze?

Libri per le vacanze si, ma utilizzati in maniera ragionata ad es.: non vedo molto funzionali i libri che prevedono una scheda al giorno, l’effetto demotivante per un bambino che ha appena finito la scuola e pensa di dover fare i compiti tutti i giorni, ve lo lascio intuire. Si possono usare questi libri naturalmente, ma assegnando magari 10 schede a settimana, distribuite però in massimo 2 giorni identificati per i compiti."

Fonte: www.forepsy.it/

Articoli correlati

Written on 05 Gennaio 2009, 23.56 by
Nell'incertezza più totale in merito ai modelli organizzativi da proporre alle famiglie e alle certezze sull'effettiva possibilità di corrispondere a tali...
Written on 23 Gennaio 2011, 08.36 by
Questo governo e questo ministro hanno stabilito un vero e proprio record. Anche la Gelmini, come tutti i suoi predecessori, appena insediatasi a ...
Written on 09 Aprile 2010, 18.29 by
  Ricordate il celebre film "Un americano a Roma"? Nei primi anni 50 Alberto Sordi in un'Italia che riemerge a fatica dai disastri...
Written on 15 Gennaio 2009, 14.28 by
E' indubbio che un risultato è stato raggiunto grazie alla Riforma della scuola: dopo tanto tempo insegnanti, genitori e, per la scuola superiore e...
Written on 14 Maggio 2014, 15.58 by maestroroberto
  Uscirà puntualmente ogni domenica una nuova rubrica interamente dedicata al mondo della scuola e che sarà fruibile...
Written on 27 Gennaio 2011, 14.35 by
Mentre nel nostro Paese le politiche scolastiche sono ormai direttamente gestite dai Ministeri dell'Economia (purtroppo a sinistra come a destra),...