Creare flashcards con Cram Stampa
Discipline - Lingua inglese
Scritto da Administrator   
Mercoledì 25 Gennaio 2017 19:04

Cram è una piattaforma educativa molto interessante per la creazione di flashcards da utilizzare in classe.

Sappiamo come il ricorso a questi strumenti favorisca la memorizzazione e lo studio dei contenuti, anche per la possibilità di integrare sintetizzatori vocali ai testi.

Cram oltre a fornire tutto ciò che serve per generare nuove flashcards consente di attingere ad un enorme archivio di attività direttamente utilizzabili in classe. Per rendervi conto di quanto materiale sia a disposizione, sono entrato nella categoria Language e Italian, trovando 7080 contenuti!

Le flashcards disponbili sono raggruppate per tipologia  e argomento. Vi consiglio di sbirciare in Education dove troverete molti contenuti utili, in particolare per l'insegnamento della lingua inglese.

Cram è disponibile anche un versione app gratuita Android e iOS per essere utilizzata con dispositivi mobili.

Vai su Cram

 

Articoli correlati

Written on 15 Gennaio 2016, 17.05 by maestroroberto
Alcuni colleghi mi hanno chiesto di segnalare siti con raccolte di canzoni utili per apprendere la lingua inglese nella scuola primaria (e...
Written on 26 Agosto 2015, 15.19 by maestroroberto
Ecco un'altra piattaforma didattica ricchissima di risorse da utilizzare in classe. ESL Tower è infatti un sito web...
Written on 11 Settembre 2015, 15.29 by maestroroberto
Prima di descrivere l'oggetto di questo articolo mi corre l'obbligo premettere che non solo non ho alcun interesse a pubblicizzare un...
Written on 29 Dicembre 2017, 17.54 by maestroroberto
Il sito web elt-resourceful mette a disposizone preziosi materiali per l'insegnamento della lingua inglese. Segnalo, in...
Written on 11 Novembre 2014, 17.12 by maestroroberto
  English for Little Children è una piattaforma didattica gratuita realizzata in Spagna. Si tratta di un ottimo e...
Written on 30 Gennaio 2018, 14.21 by maestroroberto
La lingua inglese è una delle 8 competenze chiave che non va sviluppata virtualmente, ma concretamente! Ma la Realtà Virtuale...