Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Google Meet prepara grosse novità per il prossimo anno scolastico E-mail
Risorse - Utility
Sabato 27 Giugno 2020 09:20
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Google Meet è stato lo strumento di videoconferenza più utilizzato per la didattica a distanza e i tanti suggerimenti pervenuti da chi ne ha fatto un uso quotidiano, sta consentendo di migliorarne alcune funzionalità, probabilmente a partire dal prossimo anno scolastico.

In questo momento nessuno è in grado di prevedere attraverso quali modalità verrà erogato il servizio scolastico, ma Google sta lavorando allo scopo di rendere Meet una soluzione utilizzabile sia per una didattica interamente a distanza, sia per un modello di tipo misto, integrabile alla didattica in presenza.

Vediamo dunque a quali aspetti stanno lavorando.

 

Più controlli per le sessioni

In una prima fase, che interesserà gli utenti di G Suite for Education e G Suite Enterprise for Education, un utente non potrà più richiedere di partecipare a un incontro dopo essere stato allontananto e le sue richieste saranno "bannate" dopo essere state respinte due volte dal moderatore.

A questo proposito, l'interfaccia della richiesta di accesso sarà migliorata per essere meno fastidiosa ed invadente (è spesso successo che i docenti abbiano dovuto chiudere sessioni per il continuo disturbo portato dalle richieste di ingresso...).

Successivamente, gli utenti anonimi saranno bloccati per default dalla partecipazione alle riunioni, anche se le scuole potranno modificare questa impostazione per consentire loro di partecipare.

Per quanto riguarda la privacy, Meet permetterà agli insegnanti e agli studenti di offuscare l'ambiente o sostituire lo sfondo con proprie immagini o scegliendo tra quelle messe a disposizione dall'applicazione. Gli amministratori avranno la possibilità di disabilitare questa funzione.

In un secondo momento, Google Meet offrirà anche la possibilità di disattivare contemporaneamente tutti i partecipanti, di disabilitare la chat e di limitare le presentazioni. Anche i moderatori dell'incontro potranno partecipare prima dell'inizio della riunione.

 

Incoraggiare la partecipazione alle videolezioni

Per rendere le lezioni più interattive, gli utenti di G Suite for Education e di G Suite Enterprise for Education implementeranno la funzione di "alzata di mano" e  integreranno una lavagna digitale.

Inoltre, la visualizzazione in griglia a mosaico sarà ingrandita fino a un massimo di 49 partecipanti e il numero di lingue supportate nei sottotitoli è stato aumentato.

Gli utenti di G Suite Enterprise for Education avranno anche una serie di funzionalità premium, come il monitoraggio delle presenze degli studenti, sale riunioni per dividere le classi in gruppi più piccoli, una sezione per quiz e sondaggi.

 


Articoli correlati

Written on 04 Novembre 2020, 16.25 by maestroroberto
  La versione web browser di Meet consente finalmente di cambiare sfondo. Da oggi potrete dunque avviare le vostre videochiamate...
Written on 25 Maggio 2020, 18.27 by maestroroberto
Da sabato scorso si è verificato un problema di visualizzazione delle griglie di Google Meet.  In pratica, invece di...
Written on 22 Aprile 2020, 13.54 by maestroroberto
Sempre più spesso i colleghi mi chiedono come mai alcune novità segnalate dal blog per Hangouts Meet o Gmail o Google Presentazioni,...
Written on 08 Dicembre 2020, 19.02 by maestroroberto
Toucan è una nuova interessante risorsa, disponibile ancora in versione beta, che permette di...
Written on 23 Aprile 2020, 15.21 by maestroroberto
Torno a parlare di Google Meet, la regina delle piattaforme per la videoconferenza e per la didattica a distanza in modalità...
Written on 07 Novembre 2020, 14.11 by maestroroberto
Ci sono funzioni apparentemente semplici per le quali ci si stupisce del ritardo con cui vengono implementate all'interno di servizi ormai di...

 

Il mio Flickr

Created with flickr badge.

Badge

 
   Aggregatore  

Free PageRank Checker  

Paperblog

Science Blogs

Migliori Siti

  

BlogNews