Ancora una conferma: le scuole chiuse per neve non devono recuperare giorni di lezione Stampa
Docenti - Normativa
Martedì 14 Febbraio 2012 15:30

Dopo l'autorevole parere dell'USR Emilia Romagna di qualche giorno fa, anche la nota rivista Tecnica della scuola si esprime sulla necessità o meno di recuperare le giornate di chiusura delle scuole per neve.
Anche in questo caso, Contratto di lavoro e Codice Civile alla mano, si conferma che queste giornate di chiusura non vanno recuperate.

 

Scuola chiusa per neve: il personale non deve recuperare

 

Tecnicadela scuola – 14 febbraio 2012

I principi giuridici che guidano il Contratto di lavoro indicano che se la causa è esterna di forza maggiore cade il vincolo di restituire o recuperare le relative ore o giornate perse. E ciò vale per tutti i dipendenti. Se invece c’è solo sospensione di attività didattica, gli Ata devono essere presenti. Come i docenti qualora vi siano attività collegiali. E in caso di ritardo? Scatta l’obbligo della giustificazione e del recupero.

Continuano a giungere quesiti a proposito delle giornate di lezione annullate a causa dell’ondata di maltempo che ha avvolto l’Italia negli ultimi giorni. Per quanto riguarda la possibilità che gli istituti coinvolti debbano o meno recuperare le lezioni determinando eventuali “code”, da applicare al termine dell’anno scolastico, ci siamo già espressi. Riteniamo ora utile informare i lettori a proposito dell' obbligo o meno, da parte del personale scolastico, di recuperare le giornate di lavoro non prestate.

In via preliminare va subito detto che in caso di blocco totale delle attività didattiche, derivante da un’ordinanza del Sindaco, l’obbligo di recuperare la giornata decade. E ciò proprio per le cause di forza maggiore non imputabili al personale.

I principi giuridici che guidano il Contratto di lavoro indicano chiaramente, infatti, che quando si viene a determinare un’interruzione dell’erogazione del servizio per qualsiasi causa esterna di forza maggiore, con il dipendente impossibilitato a svolgere i propri obblighi contrattuali per motivi indipendenti alla sua volontà, lo stesso dipendente è legittimato ad assentarsi senza alcun vincolo di restituire o recuperare le relative ore o giornate perse. Le quali non possono quindi essere nemmeno oggetto di decurtazione economica. E nel caso della Scuola, tale principio non fa differenza tra personale docente o Ata.

“L’obbligazione si estingue – si legge anche nell’art. 1256 del Codice civile - quando, per una causa non imputabile al debitore [il lavoratore], la prestazione diventa impossibile. Se l’impossibilità è solo temporanea, il debitore, finché essa perdura, non è responsabile del ritardo dell’adempimento”.

Diversa è la situazione che si determina laddove vengano solo sospese le attività didattiche: ci si trova, in tali occasioni, nella stessa situazione che si configura in estate, ad anno scolastico terminato, o durante le festività natalizie e pasquali. In tali circostanze, infatti, il personale amministrativo, tecnico ed ausiliario (in virtù degli artt. 51 e 53 del Ccnl in vigore) è comunque tenuto alla prestazione della propria opera.

Altri lettori hanno chiesto cosa accade quando un lavoratore Ata, in caso di sospensione dell’attività, quindi tenuto a recarsi a scuola, si trovi comunque e impossibilitato a raggiungere la sede scolastica di servizio (oppure la raggiunga con sostanzioso ritardo). E ciò a causa del maltempo.

In tali casi egli dovrà giustificare il proprio ritardo, spiegando i motivi in forma scritta ed un modo capillare (ai sensi degli artt. 13 e 19 del Ccnl): dovrà quindi esplicitare il percorso, l’ora e le condizioni atmosferiche che hanno ostacolato il trasferimento in tempo utile al raggiungimento della sede scolastica per l’orario stabilito. Producendo, quindi, domanda di permesso (da recuperare) per gravi ragioni o di ferie.

La prassi, del resto, non è diversa da quella che normalmente viene messa in atto quando un lavoratore della scuola raggiunga la sede di servizio in grave ritardo: dopo aver possibilmente preannunciato l’arrivo fuori orario, sarà chiamato a giustificare quanto accaduto.

Una procedura analoga si attua anche per i docenti che pur non svolgendo attività didattica, poiché sospesa per il maltempo, siano comunque costretti a recarsi a scuola per eventuali altri obblighi contrattuali (consigli di classe, collegi dei docenti, ecc.). A meno che il dirigente scolastico non provveda a rinviare gli appuntamenti programmati (comunque posticipati in altri giorni e quindi non annullabili), in caso di assenza i docenti dovranno produrre adeguata giustificazione.

 

Articoli correlati

Written on 10 Gennaio 2013, 14.54 by
Cinzia Olivieri ha realizzato e pubblicato su Edscuola un'utile guida alle iscrizioni per l'a. s. 2013/2014, in formato...
Written on 21 Aprile 2012, 13.16 by
Qualche giorno fa, nel servizio di consulenza Pronto Scuola del portale La Girandola, il noto Tix ha affrontato il tema delicato, ma...
Written on 31 Agosto 2010, 16.43 by
Il nuovo anno scolastico riparte tra mille incertezze (orari, discipline, organizzazione) ed altrettante certezze (tagli, tagli e ancora tagli...). La...
Written on 29 Febbraio 2012, 14.45 by
Si stanno facendo largo tra gli "addetti ai lavori" in materia di normativa scolastica inquietanti interpretazioni legislative in merito al...
Written on 22 Novembre 2013, 19.59 by
  All'inizio di questo anno scolastico nella mia regione si sono sollevati molti dubbi sull'utilizzo dei docenti di classe...
Written on 08 Gennaio 2014, 16.55 by
  Una prima nota MIUR del 7 gennaio illustra le fasi di avvio delle procedure di iscrizione degli alunni alle classi prime per...