Ma il ministro sa quanto costa scaricare libri dal web? Stampa
Opinioni - Scuola

In questi giorni si è parlato diffusamente della circolare che illustra alcune novità in materia di adozione di libri di testo per l'anno scolastico 2009/2010 e si è dato ampio risalto alla novità della possibilità di sostituire la versione cartacea dei libri con quella elettronica.
Ovviamente quasi tutti i "gestori" dell'informazione hanno commentato questa innovazione con grande entusiasmo, visto che, soprattutto in questa fase di recessione e crisi economica, ogni intervento che vada nella direzione del contenimento dei costi per le famiglie viene accolto con giustificata enfasi.
Il problema è che se solo si tenta di sollevare dalla notizia la spessa coltre di propaganda che la ricopre, si scopre che questo grande vantaggio non esiste e che invece sono più i disagi che comporta rispetto agli ipotetici risparmi.
A tal proposito vi invito a leggere la riflessione del prof. Francesco Poli, pubblicata su Fuoriregistro, che affronta il tema concretamente , calcolando costi e benefici.

"Dunque facciamo due conticini. Il libro di fisica che io adotto consta di circa 200 pagine (ma ve ne sono di molto più voluminosi) ed il suo prezzo si aggira sui 28 euro. Poniamo che il prossimo anno decida di passare alla versione elettronica.

Già esiste una casa editrice che pubblica solo e-book, la Garamond. Per ogni testo si pagano 9.90 euro, indipendentemente dalle pagine. Ma il libro va stampato: è impossibile per chiunque, in particolare per un ragazzo quindicenne, studiare senza un supporto cartaceo, sia perché la lettura da schermo pc è assai gravosa, sia perché operazioni come sottolinerare, annotare a margine o segnare gli esercizi sono strumenti didattici insostituibili. Una cartuccia di inchiostro nero per la mia stampante Hp la pago circa 20 euro e la casa dice che permette di stampare 480 pagine. In proporzione stamparne 200 mi costa dunque 9 euro. Ma il libro abbonda di figure colorate, illustrazioni fotografiche e così via. Non so quantificare esattamente la spesa dell'inchiostro colorato ma diciamo 3 euro. Poi ci vuole la carta. Una risma Fabriano A4, da 500 fogli, viene 5 euro. In proporzione 200 fogli mi costano 2 euro. Fatto questo mi trovo in mano un mazzo di fogli ingestibile se non lo rilego. La più economica delle rilegature, quella cosiddetta "a spirale" non viene meno di 3 euro in copisteria.
E' il momento delle somme:
9,90+9+3+2+3 =26.9 euro
Ho risparmiato ben 1,1 euro. Ma la qualità del prodotto è decisamente inferiore: ho un blocco di carta per fotocopie anziché patinata, ed una rilegatura dozzinale che per esperienza so che tende a sbriciolarsi col tempo. Sono poi andato in giro per comperare la risma di carta e le cartucce e poi sono di nuovo uscito per portare il libro a rilegare in copisteria.
Insomma l'e-book così com'è è solo fumo negli occhi, e finché non verrà distribuito un supporto da lettura elettronico, leggerissimo e davvero portatile, con uno schermo che abbia lo stesso potere riflettente della carta, e che permetta anche di fare annotazioni sopra, è di gran lunga meglio lasciar perdere."

 

Articoli correlati

Written on 16 Febbraio 2010, 12.46 by
Finalmente 90' di servizio pubblico sulla realtà della scuola in Italia. Per una volta si entra nel merito di questioni "reali" e non di...
Written on 25 Febbraio 2009, 21.51 by
E poi dicono che la magia non esiste... che i giochi di prestigio sono solo invenzioni... Che gli incantesimi albergano soltanto nelle fiabe......
Written on 22 Maggio 2009, 16.29 by
Recentemente ho avuto modo di leggere "La città dei ragazzi", uno splendido libro di Eraldo Affinati che racconta le sue esperienze di...
Written on 05 Gennaio 2009, 23.56 by
Nell'incertezza più totale in merito ai modelli organizzativi da proporre alle famiglie e alle certezze sull'effettiva possibilità di corrispondere a tali...
Written on 19 Febbraio 2009, 13.05 by
Pubblico integralmente un intervento di Serafina Gnech, non centrato sul fatto di cronaca avvenuto ma sui commenti che ne sono conseguiti sulla stampa. Lo...
Written on 23 Gennaio 2009, 13.10 by
La grande e più che giustificata preoccupazione di tanti docenti in vista del prossimo anno scolastico, nasce dallo sconvolgimento che si determinerà...