Iscrizioni: istruzioni per l'uso Stampa
Opinioni - Scuola
Lunedì 05 Gennaio 2009 23:56

Nell'incertezza più totale in merito ai modelli organizzativi da proporre alle famiglie e alle certezze sull'effettiva possibilità di corrispondere a tali richieste visto che solo successivamente sapremo quale sarà l'organico assegnato a ciascun Istituto, credo diventi importante creare i presupposti affinchè i genitori capiscano l'importanza di scegliere modelli orari che contemplino il massimo delle ore possibili (30 per il tempo normale in alternativa alle 40 per il tempo pieno).
A questo proposito inoltro un documento molto interessante ed utile redatto dal Movimento Genitori Democratici in data 19 dicembre 2008
 

Ai genitori
Sono stati approvati dal Consiglio dei Ministri due schemi di regolamento, l'uno che concerne la riorganizzazione della rete scolastica e dell'utilizzo delle risorse umane, l'altro il riordino dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo.
Sconcerta l'incoerenza del Governo che si era impegnato ad avviare il dialogo con il mondo della scuola e le sue rappresentanze e la decisione di procedere ad emanare gli stessi regolamenti, senza alcun confronto.


Nei regolamenti viene più volte ribadito che si terrá conto delle richieste delle famiglie: ma cosa vuol dire si terrá conto?

 

Una cosa è affermare che la scuola è tenuta ad erogare il servizio su richiesta delle famiglie, un'altra è dire affermare che può farlo, magari compatibilmente con le risorse finanziarie (proprie o del ministero) e con l'organico.
Le richieste delle famiglie non saranno vincolanti per l'amministrazione che potrá esaudirle solo se disporrá di sufficiente personale, per cui i genitori possono coltivare l'illusione che sará loro data la possibilitá di scegliere il numero di ore dell'orario scolastico, salvo poi a trovarsi a maggio, con l'organico di fatto, dinnanzi ad una situazione differente per mancanza di personale.
Tuttavia dato che nel mese di gennaio come genitori siamo chiamati ad operare una scelta per i nostri figli è bene compierla in modo consapevole e responsabile.
È utile in questa fase conoscere l'offerta formativa delle scuole cui intendiamo iscrivere i nostri figli, il tempo scuola in cui essa si articola e le sue concrete modalitá operative e condizioni organizzative (compresenze, laboratori...), sapendo che ogni scuola autonoma ha competenza esclusiva ed inalienabile in merito a come realizzare gli obiettivi che si è prefissa e sul come impiegare le risorse assegnatele.
Ricordiamoci che i bambini hanno bisogno di tempi distesi, di un ambiente di apprendimento sereno e non di una scuola povera, piena di contenuti selettivi e stereotipati.

Se iscriviamo i nostri figli per la prima volta alla scuola dell'infanzia :

Rinunciamo all'idea dell'anticipo (le scuole dell'infanzia non sono pensate per i bisogni dei bambini di due anni). I bambini più piccoli hanno diritto ad un servizio educativo su misura qual è l'asilo nido,

Anziché anticipi chiediamo più sezioni primavera cioè luoghi pensati ed organizzati per accogliere i bambini di due anni,

Se iscriviamo i nostri figli per la prima volta alla scuola primaria :

Rifiutiamo il modello introdotto di 24 ore settimanali: nessuna scuola italiana funziona oggi così e siamo certi al tempo stesso che una scuola così povera di tempo e di risorse sia fortemente lesiva dei diritti dei bambini!

Optiamo per il modello orario a 30 ore, specificando che li vogliamo con rientri pomeridiani e con compresenze dei docenti o per il tempo pieno a 40 ore con due insegnanti con compresenze.

Se iscriviamo i nostri ragazzi per la prima volta alla scuola secondaria di primo grado :

Chiediamo il tempo prolungato di 36 o 40 ore settimanali, tenendo conto dei bisogni formativi dei nostri figli e non facciamoci condizionare dalla disponibilitá di organico.

chiediamo che vengano garantiti l'insegnamento della 2^ lingua straniera, con pari dignitá della prima lingua ed il consolidamento delle competenze di base.
Se i nostri figli sono giá frequentanti chiediamo la conferma non solo del numero di ore che hanno a disposizione nel corrente anno scolastico, ma anche del modello organizzativo precedentemente offerto (modulo, tempo prolungato.. ).
Una massiccia richiesta dei genitori italiani per modelli di tempo disteso della scuola e rispettoso dei tempi di apprendimento dei bambini sará una importante risposta a chi ritiene che i risparmi possano essere fatti sulla pelle dei nostri figli, che hanno invece bisogno di una scuola pubblica di qualitá, bene collettivo, per costruirsi un futuro da cittadini consapevoli.

Articoli correlati

Written on 01 Febbraio 2011, 18.57 by
In piena fase di scrutini mi capita di leggere questa riflessione di Rosario Mazzeo sulla valutazione nella scuola, per Il Sussidiario. E' un vademecum...
Written on 20 Marzo 2009, 10.13 by
  Di  "Riforma" della scuola ormai si discute solo in rete. La Tv, privata e pubblica è troppo presa dai drammi conseguenti...
Written on 18 Settembre 2010, 20.55 by
Giunge, graditissimo, il saluto di Mario Lodi a maestre e maestri. E' un contributo che interpreta il senso della funzione di insegnare oggi, un...
Written on 22 Dicembre 2013, 20.37 by
  Se davvero i docenti a cui a settembre è scattato l'aumento per il passaggio (con un anno di ritardo) al gradone...
Written on 20 Aprile 2011, 19.27 by
Alcune agenzie di stampa hanno battuto la notizia dell'ingresso del wi-fi nelle scuole entro il 2012. Mi sono permesso di inserire il punto...
Written on 19 Febbraio 2009, 13.05 by
Pubblico integralmente un intervento di Serafina Gnech, non centrato sul fatto di cronaca avvenuto ma sui commenti che ne sono conseguiti sulla stampa. Lo...