Charlie Chaplin: Let Us All Unite! Stampa
Video - Varie
Giovedì 29 Novembre 2012 16:45

Melody Sheep è un canale Youtube in cui trovate video remixati in maniera molto orignale. In pratica vengono trasformati in video musicali filmati famosi o tratti da film per rafforzarne il contenuto originale.

E' il caso di "Charlie Chaplin - Let Us All Unite!", tratto da "Il Grande Dittatore" e in particolare dello splendido Discorso all'Umanità, che rimane una sorta di straordinario testamento lasciatoci dal grande artista.

Inserisco sotto il testo originale e la sua traduzione.

I’m sorry, but I don’t want to be an emperor, that’s not my business. I should like to help everyone if possible – Jew, gentile, black man, white. We all want to help one another, human beings are like that. In this world there is room for everyone, and the good earth is rich, and can provide for everyone. But we have lost the way.

Greed has poisoned men’s souls
Has barricaded the world with hate
We think too much and feel too little

More than machinery, we need humanity
More than cleverness, we need kindness
Without these qualities life would be violent
And all would be lost

Do not despair
The hate of men will pass
And dictators die
And the power they took from the people
Will return to the people

Let us all unite!
Let us fight for a new world
To do away with greed
Now let us fight to free the world
To fulfill that promise
Let us all unite!

Soldiers, don’t give yourselves to brutes
Men who despise you and slave you
Tell you what to do, what to think and what to feel
Who drill you, diet you, treat you like cattle

Don’t give yourselves to these unnatural men
Machine men with machine minds and machine hearts
You are not machines
You are men

You the people have the power
To make this life free and beautiful
Let us use that power
To make this life a wonderful adventure

 

«Mi dispiace, ma io non voglio fare l’imperatore.

Non voglio né governare né comandare nessuno.

Vorrei aiutare tutti: ebrei, ariani, uomini neri e bianchi.

Tutti noi esseri umani dovremmo unirci, aiutarci sempre, dovremmo godere della felicità del prossimo. Non odiarci e disprezzarci l’un l’altro.

In questo mondo c’è posto per tutti.

La natura è ricca e sufficiente per tutti noi. La vita può essere felice e magnifica, ma noi l’abbiamo dimenticato.

L’avidità ha avvelenato i nostri cuori, fatto precipitare il mondo nell’odio, condotti a passo d’oca verso le cose più abiette.

Abbiamo i mezzi per spaziare, ma ci siamo chiusi in noi stessi. La macchina dell’abbondanza ci ha dato povertà, la scienza ci ha trasformati in cinici, l’abilità ci ha resi duri e cattivi.

Pensiamo troppo e sentiamo poco. Più che macchine ci serve umanità, più che abilità ci serve bontà e gentilezza. Senza queste qualità la vita è vuota e violenta e tutto è perduto.

L’aviazione e la radio hanno avvicinato la gente, la natura stessa di queste invenzioni reclama la bontà dell’uomo, reclama la fratellanza universale. L’unione dell’umanità.

Persino ora la mia voce raggiunge milioni di persone. Milioni di uomini, donne, bambini disperati, vittime di un sistema che impone agli uomini di segregare, umiliare e torturare gente innocente.

A coloro che ci odiano io dico: non disperate! Perché l’avidità che ci comanda è soltanto un male passeggero, come la pochezza di uomini che temono le meraviglie del progresso umano.

L’odio degli uomini scompare insieme ai dittatori. Il potere che hanno tolto al popolo, al popolo tornerà. E qualsiasi mezzo usino, la libertà non può essere soppressa.

Soldati! Non cedete a dei bruti, uomini che vi comandano e che vi disprezzano, che vi limitano, uomini che vi dicono cosa dire, cosa fare, cosa pensare e come vivere!

Che vi irregimentano, vi condizionano, vi trattano come bestie! Voi vi consegnate a questa gente senza un’anima!

Uomini macchine con macchine al posto del cervello e del cuore. Ma voi non siete macchine! Voi non siete bestie! Siete uomini!

Voi portate l’amore dell’umanità nel cuore. Voi non odiate. Coloro che odiano sono solo quelli che non hanno l’amore altrui.

Soldati, non difendete la schiavitù, ma la libertà!

Ricordate che nel Vangelo di Luca è scritto: «Il Regno di Dio è nel cuore dell’Uomo». Non di un solo uomo, ma nel cuore di tutti gli uomini.

Voi, il popolo, avete la forza di creare le macchine, il progresso e la felicità. Voi, il popolo, avete la forza di fare si che la vita sia bella e libera.

Voi che potete fare di questa vita una splendida avventura. Soldati, in nome della democrazia, uniamo queste forze.

Uniamoci tutti! Combattiamo tutti per un mondo nuovo, che dia a tutti un lavoro, ai giovani la speranza, ai vecchi la serenità ed alle donne la sicurezza.

Promettendovi queste cose degli uomini sono andati al potere. Mentivano! Non hanno mantenuto quelle promesse e mai lo faranno. E non ne daranno conto a nessuno.

Forse i dittatori sono liberi perché rendono schiavo il popolo.

Combattiamo per mantenere quelle promesse. Per abbattere i confini e le barriere.

Combattiamo per eliminare l’avidità e l’odio.

Un mondo ragionevole in cui la scienza ed il progresso diano a tutti gli uomini il benessere.

Soldati! Nel nome della democrazia siate tutti uniti!»

Articoli correlati

Written on 11 Gennaio 2014, 23.37 by
  Oggi se n'e' andato un grande artista. Ecco in tributo alla memoria di Arnoldo Foà, una splendida...
Written on 06 Ottobre 2011, 20.39 by
  Steve Jobs se ne è andato in un silenzio assordante, lasciandoci in eredità i frutti della sua genialità che hanno cambiato in qualche misura la...
Written on 04 Dicembre 2013, 19.52 by
  Il mio figlioletto inizia oggi la scuola: per lui, tutto sarà strano e nuovo per un po’ e desidero che sia...
Written on 01 Marzo 2012, 14.02 by
  Vi propongo il video inviatomi dalla collega Isabella Valcavi, che racconta un'esperienza di integrazione scolastica. Il cortometraggio è...
Written on 22 Gennaio 2013, 17.07 by
Il sito web de Il Sole 24 ore ha realizzato un'utilissima video guida alle iscrizioni online. Il capo Dipartimento del Ministero...
Written on 15 Maggio 2012, 18.01 by
  "SEMPRE" è una parola enorme, irragionevole, sacra. E' un avverbio che dilata il tempo...