Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Una favola per l'educazione ambientale: "L'uomo che piantava gli alberi" E-mail
Docenti - Biblioteche, libri e storie
Giovedì 11 Novembre 2010 15:31
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

"L'uomo che piantava gli alberi"

"L'uomo che piantava gli alberi" è un racconto di Jean Giono, pubblicato nel 1953, ma è anche un film d'animazione che nel 1987 vinse il Premio Oscar come migliore cortometraggio di animazione. Ma è soprattutto una favola dedicata all'ambiente per bambini ed adulti, un messaggio di riconciliazione dell'uomo con madre natura, un messaggio di rinascita della foresta e della vita là dove erano state incoscientemente annientate.
Durante una delle sue passeggiate in Provenza, Jean Giono incontra un uomo straordinario, un pastore solitario e tranquillo, di poche parole, che prova piacere a vivere lentamente, con le pecore e il cane.

Nonostante la sua semplicità e la totale solitudine in cui vive, quest'uomo inizia a compiere una grande azione, un'impresa che avrebbe cambiato la faccia della sua terra e la vita delle generazioni future: trasforma una terra desolata in uno spazio verde e fertile. 

Ecco un brevissimo estratto del libro.
"Il pastore che non fumava prese un sacco e rovesciò sul tavolo un mucchio di ghiande. Si mise a esaminarle l'una dopo l'altra con grande attenzione, separando le buone dalle guaste. Gli proposi di aiutarlo. Mi rispose che era affar suo. In effetti, vista la cura che metteva in quel lavoro, non insistetti. Fu tutta la nostra conversazione. Quando ebbe messo dalla parte delle buone un mucchio abbastanza grosso di ghiande, le divise in mucchietti da dieci. Così facendo, eliminò ancora i frutti piccoli o quelli leggermente screpolati, poiché li esaminava molto da vicino. Quando infine ebbe davanti a sé cento ghiande perfette, si fermò e andammo a dormire".

Qui scaricate il libro "L'uomo che piantava gli alberi" in formato PDF.

Di seguito potete ammirare lo splendido cortometraggio suddiviso in 3 parti.

 

 

 

Articoli correlati

Written on 15 Giugno 2011, 18.52 by
Come mi ero ripromesso a suo tempo, continuo a pubblicare storie ed ebook realizzati con Didapages. In questo caso la collega Rosa Sergi, che...
Written on 21 Novembre 2009, 09.58 by
Si avvicina il Natale e, se siete alla ricerca di un’idea originale ed intelligente per un bel regalo da destinare ragazzini dell'ultimo ciclo...
Written on 30 Settembre 2011, 13.30 by
La casa editrice San Paolo ha da poco pubblicato un volume intitolato School Rocks!, dedicato ai ragazzi e agli insegnanti, che si propone come un...
Written on 26 Febbraio 2011, 13.14 by
"ARE ERE IRE... H fan sparire" è un progetto ideato da Mela Music, casa editrice che utilizza la musica per rendere la didattica più...
Written on 08 Settembre 2010, 14.55 by
Nuntio vobis gaudim mangnum! E' stato scoperto un dispositivo per la lettura in grado di rivoluzionare la trasmissione del sapere: il BOOK! Seguite il...
Written on 23 Giugno 2012, 13.57 by
  I bambini della seconda classe della scuola primaria di Viggiano (PZ), assieme alla loro maestra Maria Teresa Eufemia, hanno...

 

Commenti  

 
#2 Roberto 2010-11-11 19:00 Grazie Milena,
splendido esempio di condivisione di un percorso didattico che sarà di grande utilità per chi vorrà sperimentare questo affascinante itinerario
Citazione
 
 
#1 Milena 2010-11-11 18:49 Con l'apertura della scuola, abbiamo "accolto" i bambini di tre sezioni di classe quarta con dei cartelloni che riprendevano l'immagine di copertina di questo testo e che faceva loro intuire l'ubicazione dell'aula. Abbiamo letto insieme alcuni passi del testo e quindi proposto la visione del DVD e a questo ha fatto seguito la semina in vasi di semi differenti. Nei momenti laboratoriali, a coppie, i bambini hanno realizzato su cartoncino 40 x 40 alcune scene del film utilizzando solo il pastello nero e ttrascritto delle brevi didascalie. Il tutto è stato poi assemblato su dei grandi pannelli di cartone robusto dipinto di nero e, per guidare nella lettura dei disegni/didascalie, abbiamo disegnato con le tempere un lungo filo annodato che "lega" virtualmente i vari momenti rappresentati. E' di grande effetto.
C'è da dire che il testo è stato ben compreso dagli alunni anche grazie a momenti di discussione e riflessione collettiva o a gruppi di classe.
Citazione