Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


SCIENZAINRETE: Il sito della sperimentazione nell'educazione scientifica E-mail
Discipline - Scienze
Martedì 29 Giugno 2010 17:15
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Segnalo una vera e propria comunità di insegnanti in rete che si propone di suggerire attività di insegnamento scientifico prioritariamente rivolto a bambini di scuola primaria.
Mi riferisco a SCIENZAINRETE, un portale per la sperimentazione dell'educazione scientifica in rete.
All'interno troverete progetti, unità didattiche, esperienze, libri di testo, links, mappe concettuali, insomma tutto ciò che può servire per aiutare a un insegnante a programmare un curricolo di scienze.
Riporto testualmente il Manifesto dei promotori di Scienzainrete:

"In ogni esperienza con i bambini dovrebbe esserci una componente di gioco e una componente di veicolazione di concetti scientifici.

Prima dei concetti scientifici veri e propri cerchiamo di uniformarci nell’uso e di insegnare quelli “pro-scientifici” (concetti di sistema, interazione, proprietà, ecc.) e nell’esplicitazione degli atteggiamenti scientifici da acquisire.

 

Per quanto riguarda questi ultimi, è diffusa la convinzione che l’aggettivo “scientifico” sia sinonimo di “rigoroso” (ai limiti della pedanteria), preciso, indubitabile e non questionabile.
Invece siamo convinti che gli aspetti affettivi connessi all’approccio scientifico siano altrettanto importanti di quelli relativi al “metodo scientifico”. Quindi sensazioni come il provare stupore e curiosità, il desiderio di utilizzare l’esperimento per divertire e divertirsi, comunicare questa gioia agli adulti e agli amici, fanno parte degli atteggiamenti della scienza e possono, devono essere insegnate. Non c’è nulla di rigoroso in tutto questo.
La precisione non è un valore in sé. Nella scienza si sono compiuti errori madornali operando nella massima precisione. Il vero valore è sapere quando occorre e quando non occorre essere “precisi” nell’osservare, misurare, assemblare. Operare sempre con precisione significa anche ridurre la variabilità dell’esperienza, che è un altro bene prezioso.

Un altro valore scientifico è la dialettica delle diverse interpretazioni, che vanno tutte considerate e soppesate: imparare che non ci si deve affezionare ad esse, poiché il bello è che alla fine si riesce a selezionarne poche o anche solo una soddisfacente. Chi è bravo a proporre ipotesi e teorie deve essere anche capace di smontarle e questo è un principio di vera democrazia, prezioso in questi tempi.

Il “metodo scientifico” comporta anche osservazione accurata e sistematica, analizzando i fenomeni, classificandoli e definendoli, cosa che richiede di mettere in relazione fatti ed eventi separati nel tempo e nello spazio e di associare questi ai concetti che si hanno nella propria mente.

La verbalizzazione evidenzia che ogni bambino descrive in modo diverso l’esperienza. Infatti il modo particolare di rievocarla dipende in misura preponderante dalle conoscenze che il bambino possiede al momento in cui si cimenta con essa e molto meno dai termini che l’insegnante ha impiegato nel designare fenomeni e spiegazioni. Questo conferma l’importanza del lavoro preparatorio a monte di un esperimento, per avere ragionevoli speranze che l’azione “veicolante” di concetti nuovi, associati a quell’esperienza, abbia successo.

Troppo spesso alle superiori si effettuano complessi laboratori alla fine dei quali la comprensione concettuale non fa alcun passo avanti. Il lavoro preparatorio in questione consiste in una conversazione che porti alla luce le concezioni spontanee degli allievi. I fatti e i fenomeni che si osserveranno dovranno essere misurati in modo esplicito tramite tali concezioni. I nuovi termini vanno introdotti dopo aver preparato il terreno in questo modo e poi fatti usare in molti contesti. Non riteniamo che esistano ricette metodologiche per coordinare la didattica delle scienze, ma abbiamo recentemente scoperto e adottato dal sito www.mapmonde.org i seguenti sei punti che riportiamo per esteso.

La qualità e la quantità della mediazione dell’insegnante con gli alunni deciderà il successo o meno di ogni strategia o mix di strategie. L’insegnante mediatore negozia i significati, deduce ed esplicita le concezioni degli alunni, “avvicina” queste agli elementi di realtà e restituisce adeguato feedback.


Approccio all'insegnamento in 6 principi

 

1. I bambini osservano un oggetto o un fenomeno appartenente al loro mondo reale e percepibile e sperimentano con esso.

 

2. Durante le loro sperimentazioni i bambini argomentano e ragionano, focalizzano e discutono le loro idee e i risultati, costruiscono le loro conoscenze, poiché la sola attività manuale è insufficiente.

 

3. Le attività suggerite dall'insegnante sono organizzate in sequenze per un apprendimento progressivo. Esse sono idonee al livello dei bambini e si dedicano estensivamente a sviluppare la fiducia dei bambini in se stessi.

 

4. Si dedica allo stesso tema una programmazione di due ore settimanali, per diverse settimane. Si garantisce continuità alle attività e ai metodi di insegnamento per tutti gli anni dell'istruzione.

 

5. Ogni bambino custodisce un fascicolo-diario degli esperimenti sul quale registrare le proprie annotazioni, con le proprie parole.

 

6. L'obiettivo primario è l'acquisizione dei concetti scientifici e delle tecniche operative da parte del bambino, di pari passo con il consolidamento dell'espressione scritta e orale."
 

Articoli correlati

Written on 06 Aprile 2010, 09.51 by
Segnalo una preziosa raccolta di Itinerari Scientifici, realizzata da Luigi Luca Cavalli-Sforza, noto genetista e scienziato, per la Einaudi...
Written on 12 Febbraio 2014, 13.10 by
  Ecco di nuovo il collega Franco Marchionni con un nuovo splendido ebook Didapages, questa volta dedicato all'insegnamento delle...
Written on 02 Ottobre 2012, 18.21 by
La Fondazione Italiana Accenture promuove la seconda edizione di “CIBOLANDO – i mestieri del mangiar bene”, progetto di...
Written on 13 Settembre 2011, 14.33 by
Il Ministero della Salute in collaborazione con il Ministero dell'Istruzione ha promosso il programma “Guadagnare Salute: Rendere facili le...
Written on 05 Dicembre 2011, 18.44 by
PhET è una piattaforma didattica  curata dall'Università del Colorado a Boulder dove potrete accedere a simulazioni interattive per la fisica,...
Written on 21 Febbraio 2009, 14.22 by
Dedico una serie di post ad alcuni softwares disponibili gratuitamente nel sito della Mondadri scuola rivolti alla scuola primaria. Sono molto conosciuti...
134844

 

Commenti  

 
#3 Roberto 2010-06-30 10:06 Citazione Paola Limone:
Eih, hai visto chi c'è tra le zucche di scienzainrete?? ) Dai un'occhiatina…

Ehm… mi si sembra di aver scorto… una zucca limonata…
Citazione
 
 
#2 Paola Limone 2010-06-29 21:53 Ora ho segnalato il tuo post alle altre zucche: Alfredo Tifi e Antonietta Lombardi.
Io ho avuto il piacere e l'onore di essere chiamata a collaborare, ma loro sono le vere menti del progetto!
Citazione
 
 
#1 Paola Limone 2010-06-29 21:51 Eih, hai visto chi c'è tra le zucche di scienzainrete?? ) Dai un'occhiatina… Citazione