Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


MonkeyLearn: nuovo strumento per creare nuvole di parole E-mail
Risorse - Grafica Web
Scritto da Administrator   
Sabato 14 Marzo 2020 10:34
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

MonkeyLearn è un nuovo strumento per creare word cloud, attività preziosa ogni volta che attiviamo in classe percorsi di brainstorming.

Ha un campo di testo che dovrete riempire, incollando le parole che vi appariranno in forma grafica con diverse, interssanti funzionalità.

La nuvola di parole presenterà i termini più ricorrenti in un carattere più grande e potrete avere conferma di questo dato, ordinando le parole per frequenza, sulla parte destra dello schermo.

Nella barra in alto potrete invece modificare il tema, il font, i colori e scegliere il numero massimo di parole da inserire (di default 50).

Al termine, è possibile scaricare la nuvola di parole nei formati SVG, PNG, CSV.

Vai su MonkeyLearn

 

Articoli correlati

Written on 27 Ottobre 2014, 18.11 by maestroroberto
<p style='text-align:center;font-size:xx-small;overflow:auto;height:100%;'><a...
Written on 26 Ottobre 2014, 11.48 by maestroroberto
Logo Design by FlamingText.com Un ottimo tool che in brevissimo tempo vi permette di creare loghi e scritte adatte per ogni...
Written on 22 Gennaio 2020, 18.10 by maestroroberto
Tra i tanti strumenti per creare nuvole di parole, Word Cloud Maker si distingue per la possibilitò di usare le vostre immagini come...
Written on 25 Maggio 2020, 11.50 by maestroroberto
Se siete alla ricerca di strumenti per creare mandala online, provo ad aggiornare un elenco di siti web che vi invito a provare. Sono...
Written on 02 Gennaio 2020, 19.06 by maestroroberto
Quello che vedete sopra è il word cloud con le parole più utilizzate dall'account Twitter @RobertoMaestro nel 2019, creata...
Written on 20 Novembre 2017, 18.15 by maestroroberto
Per ovvie ragioni, rimane sempre opportuno utilizzare avatar nei profili social dei nostri studenti, piuttosto che le loro fotografie...