Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


I migliori servizi cloud gratuiti a confronto E-mail
Risorse - Utility
Scritto da Administrator   
Sabato 06 Marzo 2021 17:23
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Siamo sempre più abituati ad archiviare file online piuttosto che nei drive dei nostri dispositivi.

La rete offre diverse opzioni per archiviare in cloud anche se non tutte sono affidabili al 100%, quindi oggi vi suggersico le soluzioni gratuite migliori per salvare i vostri contenuti in modo sicuro.

MEGA

Servizio neozelandese che offre un totale di 50 GB totalmente gratuiti che saranno a vostra disposizione una volta creato un account. Garantisce la protezione dei collegamenti, la possibilità di scaricare contenuti senza la necessità di registrazione, chat crittografate, autenticazione in due passaggi. E' disponibile anche in versione applicazione per dispositivi mobili Android e iOS. Ma attenzione, i 50 GB sono soggetti alla partecipazione al loro programma di realizzazione: se non vengono raggiunti, lo spazio si riduce a 15 GB ei file che superano tale limite potrebbero andare persi.

 

GOOGLE DRIVE

Sicuramente la soluzione più utilizzata, che fornisce 15 GB di spazio cloud. Il valore aggiunto è la possibilità di avvalersi di tutti gli altri strumenti di Google integrati, come Documenti, Fogli di lavoro, Moduli, ecc.

 

MICROSOFT ONEDRIVE

Il servizio di archiviazione creato da Microsoft è incluso per impostazione predefinita in Windows 10 e fornisce 5 GB di spazio per salvare file gratuitamente.

 

DROPBOX

Il servizio Dropbox, a prima vista sembrerebbe meno interessante perché offre solo 2 GB gratuiti. Tuttavia, una caratteristica quasi unica di questo servizio è che per ogni amico che invitiamo a utilizzare lo strumento, ci aggiunge 500 MB (offerta valida fino al raggiungimento di 16 GB).

 

PCLOUD

Un servizio che garantisce tra i maggiori livelli di sicurezza in Europa e che offre fino a 10 GB gratuiti. A conferma di questo, per 6 mesi è stata attiva una sorta di sfida  in cui si offriva la somma di $ 100.000 a chiunque riuscisse ad hackerare il sistema di crittografia. Compenso che non è stato riscosso da nessuno.

 

 

 

Articoli correlati

Written on 28 Settembre 2017, 14.54 by maestroroberto
Immagine: blinklist.com/files/field/image/Shelf_io.png Sono indubbiamente molte le modalità per condividere file e links...