Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Visita virtuale al Teatro alla Scala di Milano E-mail
Discipline - Musica
Scritto da Administrator   
Venerdì 08 Maggio 2020 17:37
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Il teatro alla Scala di Milano vi giunge direttamente a casa grazie a Google Arts & Culture.

Nel 18° secolo, gli spettatori del Teatro alla Scala di Milano non dovevano preoccuparsi di cercare il posto migliore: gli aristocratici avevano il proprio palco, gli altri dovevano solo stare nel parterre, dove non c'erano sedute. Oggi non dovete preoccuparvi di cercare il posto migliore: La Scala di Milano, uno dei teatri più famosi del mondo, alza il sipario (digitale) su Google Arts & Culture. Prendete posto in prima fila, da casa vostra.

Il Teatro alla Scala mette online i suoi tesori più preziosi su Google Arts & Culture per il pubblico di tutto il mondo, dopo aver chiuso i battenti a causa delle restrizioni Covid-19. Nonostante le luci siano spente sul palcoscenico del teatro, la creatività e l'impegno vivono nei suoi artisti: per celebrare il passato e il presente, 92 artisti - 6 solisti, 26 coristi e 60 strumentisti - provenienti da cinque paesi si sono “ritrovati” per creare la prima performance operistica della Scala eseguita in quarantena. Mettetevi comodi e godetevi un concertato dal "Simon Boccanegra" di Giuseppe Verdi, una storia di unità e resilienza che ben si adatta a questo momento storico.

Nella collezione online del Teatro alla Scala potete passeggiare per il teatro grazie a Street View. Scoprite cosa si prova a salire sul palcoscenico come una stella dell'opera, assistere a un balletto dal Palco Reale o curiosare nel laboratorio industriale, dove gli artigiani creano palcoscenici incredibili, oggetti di scena e quasi 1.000 costumi ogni anno, tra cui creazioni di stilisti del calibro di Gianni Versace e Yves Saint Laurent.

Con Art Camera puoi persino ingrandire i dettagli più piccoli e raffinati dei costumi indossati dall'icona dell'opera Maria Callas: dal broccato d'avorio e cabochon dorati al velluto nero e alle pietre a specchio rubino.

E adesso spostatevi dietro le quinte per scoprire le oltre 259.000 immagini digitalizzate dall'archivio del teatro. Potete sfogliare le pagine di una rara edizione manoscritta dello spartito di Turandot, il primo libretto del Nabucco di Giuseppe Verdi o conoscere i vari artisti il ​​cui lavoro ha abbellito il palcoscenico della Scala, tra i quali David Hockney e Giorgio De Chirico.

Ovunque voi siate, ora potete entrare e guardare dietro le quinte di uno dei più grandi teatri del mondo. E mentre aspettiamo di viaggiare di nuovo, il Teatro alla Scala viene da voi, online su Google Arts & Culture. 

 

Articoli correlati

Written on 22 Gennaio 2018, 18.55 by maestroroberto
Ho trovato in rete una curiosa mappa interattiva in grado di segnalarvi e farvi ascoltare in diretta il brano musicale più ascolato in ogni...
Written on 28 Aprile 2015, 14.05 by maestroroberto
  Il ritmo della musica è un sito web realizzato da Fabio Morzenti, concertista ed insegnante, allo scopo di mettere a...
Written on 31 Marzo 2016, 20.29 by maestroroberto
Archivio sonoro è un progetto nato per recuperare e condividere l'immenso patrimonio costituito dalla musica popolare delle...
Written on 08 Maggio 2017, 15.45 by maestroroberto
Sono oltre 80.000 gli spartiti per pianoforte ed altri strumenti, scaricabili liberamente dalla Biblioteca Musicale Petrucci. Si...
Written on 09 Agosto 2017, 17.36 by maestroroberto
78 RPM è stato il formato di registrazione musicale, inventato nel 1888 e pensato per essere ascoltato attraverso i grammofoni. In ogni...
Written on 18 Febbraio 2016, 19.01 by maestroroberto
Maestro Piersimone è un collega con la passione per la musica, che insegna nella scuola primaria. Ha pensato bene di...