Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


I docenti di scuola primaria non sono obbligati a frequentare i corsi di inglese E-mail
Docenti - Normativa
Lunedì 02 Luglio 2012 16:08
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

In una nota la UIL informa che i docenti di scuola prmaria non sono obbligati ad iscriversi ai corsi di formazione per l'abilitazione all'insegnamento della lingua inglese.

E' stata l'amministrazione stessa a chiarire che per la  partecipazione ai corsi va tenuta in considerazione sia il  decreto 81/2009 che  il CCNL e che pertanto  non può esistere obbligatorietà  di frequenza per i docenti. Esiste naturalmente un richiamo al senso di responsabilità per coloro che abbiamo già iniziato la frequenza a portare a termine i corsi, compatibilmente con particolari condizioni, che possono ostacolarne la conclusione.  

I docenti ancora  utilizzati come specialisti sono 6.937, restano ancora 11.431 ore residue che vengono coperte attraverso supplenze o, più raramente, come ore aggiuntive. Non è quantificabile il numero delle classi a causa delle diverse quote orarie  ad esse assegnate. I docenti che si apprestano completare il percorso della prima tranche  sono 5.140.

Per la seconda tranche sono in fase di avvio i corsi per i 6.000 docenti delle quattro  regioni del Piano Operativo Nazionale e degli oltre  10.000 delle rimanenti regioni, collocati in 627 classi di circa 18 corsisti.

La UIL  ha evidenziato la totale assenza di  confronto su criteri e modalità adottate;  l'ambiguità sulla obbligatorietà dei corsi  ha determinato un forte livello di demotivazione tra i docenti, una scarsa  efficacia dei corsi fino alla bocciatura di corsisti.

La UIL  ha ribadito che devono essere assicurate al personale tutte le condizioni previste per la frequenza, dal rimborso spese alla retribuzione delle ore funzionali all'insegnamento se eccedenti le quaranta definite dall'art.  29 del vigente CCNL. Tali condizioni risultano rispettate nelle quattro Regioni  PON dove le disponibilità  finanziaria per il piano di formazione sono molto più consistenti.  La UIL ha  sollecitato in tale senso la rapida messa a punto di una nota di chiarimento sulla non obbligatorietà e su soluzioni quali il semiesonero dal servizio, oltre che l'uso di eventuali quote finanziarie residue  per riconoscere l'impegno degli insegnanti.

Fonte: OrizzonteScuola

Articoli correlati

Written on 10 Giugno 2011, 13.58 by
Nella giornata di ieri, 9 giugno, il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo che riordina la normativa in materia di permessi,...
Written on 15 Novembre 2013, 17.37 by
Vecchio dilemma: l'insegnante di sostegno è obbligato a sostituire colleghi di classe in caso di loro...
Written on 16 Settembre 2013, 13.32 by
  Incollo un articolo di Marco Barone per OrizzonteScuola che approfondisce gli aspetti più rilevanti della normativa sulle...
Written on 06 Settembre 2012, 14.18 by
Sono stati trasmessi i risultati della consultazione delle scuole sulla bozza delle Nuove Indicazioni per la scuola dell'infanzia e del...
Written on 16 Agosto 2011, 15.29 by
Nell'annunciare la recente ulteriore manovra finanziaria di agosto, i rappresentanti del governo hanno tenuto a precisare che la scuola e i lavoratori...
Written on 08 Febbraio 2012, 18.05 by
In queste giornate di emergenza alcuni colleghi mi chiedono se dovranno essere recuperate le giornate di chiusura delle scuole per neve. L'Ufficio...