Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Combattere l'omofobia a scuola insegnando quello che gli omosessuali hanno fatto per l'umanità E-mail
Opinioni - Scuola
Martedì 09 Novembre 2010 14:56
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

omofobia, omosessualità

Le tematiche legate all'omofobia sono di grande attualità, occupando le prime pagine dei giornali sia per aberranti fatti di cronaca che per infelici e spesso irresponsabili interventi di alcune tra le massime autorità del nostro Paese.
All'estero, come sempre anni luce avanti rispetto a noi, la scuola si interroga su come inserire questa tematica all'interno dei programmi didattici e l'esperienza che vi presento ne costituisce una esemplare testimonianza.

Un istituto di Londra ha introdotto nelle sue classi lo studio di personaggi omosessuali della storia, nell’ambito di un programma mirato a combattere l’omofobia tra i ragazzi.

“Cosa hanno in comune – chiede l’insegnante – Sir Elton John, Alessandro il Grande, William Shakespeare e Clare Balding?“. Intanto le slides di Ian McKellen, Giulio Cesare, Martina Navratilova, Riccardo Cuordileone e Oscar Wilde sono mostrate alla classe. Il programma ai 1.350 alunni della Stoke Newington School sta avendo così tanto successo da essere esportato anche in altre scuole. “Avevamo notato che gli allievi stavano usando la parola “omosessuale” come termine di abuso” ha riferito Annie Gammon, una degli insegnanti.

ALLIEVI ENTUSIASTI - Il sistema, riporta oggi l’Independent, sta avendo talmente successo che Elly Barnes, l’insegnante che l’ha ideato sta ricevendo richieste anche da altri istituti del Regno. Anche una scuola di Perth, in Australia, ha espresso il suo interesse. Elton John e Alessandro Magno, Oscar Wilde e Riccardo Cuor di Leone, Martina Navratilova e, persino, William Shakespeare, vengono tutti studiati, in diverse materie e nel corso di un mese, per sottolineare il contributo dei gay, delle lesbiche e dei bisessuali nella storia e nelle arti.
TI AIUTA A CAPIRE” - Durante l’ora di informatica, per esempio, il corso si concentra su Alan Turing, il matematico di Bletchley Park che aveva decrittato molti dei codici tedeschi e che si suicidò a soli 42 proprio a causa di una persecuzione omofobica contro di lui. “Ti aiuta a capire e credo che tutti dovrebbero seguire queste lezioni“, ha detto all’Independent Jo Farrelly, 11 anni. “‘Non volevo essere associato a gay o lesbiche, ma ora non ho problemi“, ha aggiunto un altro allievo. La scuola ora sta progettando di usare lo stesso sistema per affrontare il tema dei disabili.

Fonte: www.giornalettismo.com

Di seguito inserisco un'animazione, suggeritami dalla collega Caterina Ferrari, realizzata da Bruno Bozzetto, che illustra il tema della diversità in maniera semplice ma assolutamente geniale.

 

 

Articoli correlati

Written on 09 Aprile 2010, 18.29 by
  Ricordate il celebre film "Un americano a Roma"? Nei primi anni 50 Alberto Sordi in un'Italia che riemerge a fatica dai disastri...
Written on 27 Gennaio 2011, 14.35 by
Mentre nel nostro Paese le politiche scolastiche sono ormai direttamente gestite dai Ministeri dell'Economia (purtroppo a sinistra come a destra),...
Written on 05 Ottobre 2009, 16.35 by
Pubblico un interessante articolo presente sul sito ADI, che illustra "La più grande ed irreversibile rivoluzione", come è stata...
Written on 22 Dicembre 2013, 20.37 by
  Se davvero i docenti a cui a settembre è scattato l'aumento per il passaggio (con un anno di ritardo) al gradone...
Written on 25 Marzo 2011, 19.58 by
La collega Federica mi ha inviato questa sua "lettera aperta ad un bambino", scritta pensando a tutta la sofferenza e l' ingiustizia che ogni...
Written on 18 Aprile 2011, 13.47 by
Pongo alla vostra attenzione questo intervento di Diana Laufenberg al TED, sottotitolato in italiano, in cui descrive le 3 cose fondamentali...