Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Per iscriversi alla newsletter Maestro Roberto inviare una mail all'indirizzo info@robertosconocchini.it con oggetto Iscrizione newsletter e testo vuoto

"L'infinito" di Giacomo Leopardi: quando le parole si colorano di immagini E-mail
Discipline - Italiano
Scritto da Administrator   
Sabato 15 Ottobre 2011 14:43
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Provate a ricercare "L'infinito" di Giacomo Leopardi in un motere di ricerca e vi renderete conto di quante risposte di tipo testuale, audio e video vi verranno restituite.

Ma la versione che vi propongo non ha molti rivali nel suo genere.
Si tratta dell'interpretazione de "L'infinito" ad opera di Luca Violini, una delle più importanti e note voci nazionali nel panorama del doppiaggio cinematografico, documentaristico, pubblicitario, televisivo e radiofonico per l'Ente Parco del Conero, come introduzione al portale web turistico dell'associazione.

 

Potrete apprezzare la splendida fusione delle struggenti parole del poeta marchigiano con le immagini di uno degli angoli più straordinari della mia regione, un connubio che si rivela assolutamente indovinato, sublimato dalla recitazione di un'artista, anche lui marchigiano.
Se vorrete apprezzare altre meravigliose immagini accompagnate da altrettanto splendidi sottofondi musicali che richiamano in qualche modo strumenti o tradizioni delle Marche, continuate la visione del sito web del Parco del Conero, anche dopo il termine della lettura de "L'infinito".

Per anticipare l'inizio del video dedicato alla peosia di Leopardi, cliccate sulla freccia in basso a destra dello schermo.

L'infinito

«Sempre caro mi fu quest'ermo colle,
e questa siepe, che da tanta parte
dell'ultimo orizzonte il guardo esclude.
Ma sedendo e mirando, interminati
spazi di là da quella, e sovrumani
silenzi, e profondissima quïete
io nel pensier mi fingo, ove per poco
il cor non si spaura. E come il vento
odo stormir tra queste piante, io quello
infinito silenzio a questa voce
vo comparando: e mi sovvien l'eterno,
e le morte stagioni, e la presente
e viva, e il suon di lei. Così tra questa
immensità s'annega il pensier mio:
e il naufragar m'è dolce in questo mare
»

Giacomo Leopardi

Articoli correlati

Written on 09 Ottobre 2020, 14.43 by maestroroberto
Segnalo una pagina dal sito lafondamenta.it, interamente dedicata agli aggettivi per la didattica della lingua italiana nella scuola...
Written on 06 Febbraio 2018, 16.00 by maestroroberto
Segnalo i preziosi materiali online, messi a disposizione da SEI Editrice, dedicati alla grammatica per la scuola secondaria di I grado. Si...
Written on 29 Settembre 2011, 14.05 by maestroroberto
Da salvare e conservare con cura questo file excel che rappresenta uno schema da usare come guida all'analisi grammaticale. Il lavoro...
131352
Written on 01 Novembre 2016, 09.41 by maestroroberto
Primo giorno di novembre ed eccovi alcune risorse che potranno essere utili per i colleghi... a righe! Si tratta di poesie e...
Written on 12 Settembre 2014, 17.43 by maestroroberto
Vi segnalo questo manifesto della punteggiatura che puo' tranquillamente essere utilizzato come cartellone da appendere in...
Written on 18 Settembre 2014, 16.18 by maestroroberto
Ecco un'altra perla di Patrizia Cantore. Non si tratta di documentazione didattica ma piuttosto di una proposta di attività di...

 

Commenti  

 
#1 barbara mancinelli 2011-10-18 00:29 Ho regalato questa emozione ai miei alunni l'anno scolastico scorso; per loro è stato bellissimo! Conoscono bene Luca, che spesso è venuto a trovarci, ma ogni volta è speciale! Citazione