Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Nuova normativa per le visite fiscali dal gennaio 2015 E-mail
Docenti - Normativa
Scritto da Administrator   
Sabato 10 Gennaio 2015 15:45
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

L’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale ha diramato nei giorni scorsi la nuova "guida" per l’invio a domicilio del medico fiscale. Ecco dunque quelle che sono le nuove regole in materia di visite fiscali per il lavoratore assente dal lavoro per motivi di salute relative al 2015.

LAVORATORI "PUBBLICI"

Per i Dipendenti statali, gli insegnanti, i lavoratori della Pubblica Amministrazione, i lavoratori degli Enti locali, i Vigili del fuoco, la Polizia di Stato, i dipendenti Asl ed i militari la reperibilità è di 7 giorni su 7, ivi compresi i giorni non lavorativi, festivi, prefestivi e weekend. Le fasce orarie in cui la visita fiscale può avvenire sono quella compresa dalle 9 alle 13 e quella dalle 15 alle 18.

In questi orari i lavoratori statali devono rimanere presso la residenza indicata nella documentazione medica di malattia e attendere la visita del medico fiscale inviata dal datore di lavoro o dall’Inps.

Sono esclusi dal vincolo di reperibilità i dipendenti che si assentano per i seguenti motivi: malattie di una certa entità di cui necessitano cure salvavita; infortuni di lavoro; patologie documentate e identificate le cause di servizio; quadri morbosi inerenti alla circostanza di menomazione attestata; gestazione a rischio. Sono esenti anche i dipendenti nei confronti dei quali è stata già effettuata la visita fiscale per il periodo di prognosi indicato nel certificato.

LAVORATORI "PRIVATI"

Anche i lavoratori privati hanno l’obbligo di reperibilità 7 giorni su 7. Cambiano invece le fasce orarie, che vanno dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle ore 19.

Nel caso in cui, al momento della visita fiscale, il lavoratore non si trovasse all’interno della residenza segnalata sprovvisto di motivazione, perde il diritto al 100% retribuzione per i primi dieci giorni di malattia. Per i giorni seguenti invece la retribuzione scenderà al 50%. Il dipendente avrà inoltre 15 giorni di tempo per comprovare la propria assenza ed evitare la detrazione dallo stipendio.

LO STIPENDIO

Nel corso del periodo di assenza per malattia, la retribuzione andrà progressivamente a scendere: dall’inizio della malattia e fino al nono mese (incluso) la retribuzione sarà del 100%; dal 10° mese fino ad un anno di assenza la retribuzione sarà del 90%; dal 13° al 18° mese, la retribuzione sarà pari al 50%. 

Articoli correlati

Written on 31 Gennaio 2016, 09.13 by maestroroberto
L'ANDIS (Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici) di Viterbo ha pubblicato un documento piuttosto completo che indica tutti gli...
Written on 18 Febbraio 2015, 16.46 by maestroroberto
Dopo anni di sperimentazioni, arriva dunque dal Ministero un modello di certificazione delle competenze uguale per tutti. Questo...
Written on 01 Gennaio 2018, 18.04 by maestroroberto
  Per l'anno scolastico 2018/19 non sono previste modifiche alle disposizioni contenute nel CCNI dello scorso anno in materia...
Written on 24 Agosto 2015, 17.22 by maestroroberto
Uno degli adempimenti più urgenti che vedrà già da settembre al lavoro insegnanti e Dirigenti Scolastici, sarà...
Written on 10 Aprile 2018, 18.27 by maestroroberto
Il decreto Madia ha istituito il Polo Unico INPS che diventa l'organismo unico ad occuparsi di gestire le visite fiscali dei dipendenti...
Written on 24 Giugno 2014, 14.51 by maestroroberto
  Peppino Scandale mi invia un nuovo file elaborato per calcolare l'importo degli assegni familiari da luglio 2014 a giugno...

 
COPIA SNIPPET DI CODICE