Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Conoscere la propria impronta digitale: Mine E-mail
Risorse - Sicurezza
Scritto da Administrator   
Lunedì 27 Gennaio 2020 16:06
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Vi siete mai chiesti qual è la vostra impronta digitale?  Cioè che tipo di informazioni lasciate in rete durante le vostre navigazioni quotidiane, in conseguenza del numero sempre maggiore di servizi a cui accedete digitalmente?

Se siete dunque interessati alla vostra privacy digitale e volete conoscere il percorso che avete lasciato in rete con i vostri dati personali e chi ne e' in possesso, vi consiglio di utilizzare Mine, un servizio web davvero interessante.

Con Mine potete infatti scoprire e gestire efficacemente la vostra impronta digitale. Le vostre tracce fanno riferimento a diversi tipi di dati, come nome, indirizzo e-mail, indirizzo di casa o lavoro, numero di telefono, informazioni sulla carta di credito, passaporto, carta d'identità, dati comportamentali e molto altro. Rivendicando il vostro "diritto all'oblio" garantito dalla legge, potete eliminare definitivamente i dati detenuti da diverse società.

Questo non significa che dovete limitare il vostro utilizzo della rete. Si tratta soltanto di settare la vostra privacy, cercando soluzioni in grado di creare barriere protettive attorno a voi. Mine vi consente di godere dei vantaggi di essere online, abitandovi a prendere decisioni responsabili sui vostri dati personali, per utilizzarli solo dove ne avete realmente bisogno.

Come garanzia di trasparenza, Mine dichiara che agisce solo come un canale per gestire le vostre informazioni personali, senza ricavarne profitti. Questo servizio è conforme alle normative in vigore nell'ambito del GDPR.

L'applicazione è attualmente completamente gratuita, ma nella loro presentazione avvertono che presto implementeranno piani di abbonamento per finanziare il servizio. “Se un'applicazione è gratuita, probabilmente i ricavi arrivano da qualche altra parte. Il nostro obiettivo è l'opposto: vogliamo che la proprietà dei dati sia accessibile a tutti senza monetizzare i dati dei nostri utenti”, sottolineano come giustificazione per questa misura futura, avvertendo anche che non tutto ciò che è gratuito sul web lo è realmente.

Il servizio opera attraverso una tecnologia non intrusiva che ricostruisce il vostro footprint, scansionando la casella di posta elettronica che indicherete. Osservando solo i testi dell'oggetto delle vostre e-mail, il mittente (per identificare il servizio digitale) e il numero di volte in cui compaiono.

In questo modo, saprete quante aziende hanno i vostri dati, qual è il rischio di violazione dei dati, caso per caso, il livello di sensibilità sensibilità dei dati che ogni azienda possiede e inoltre, riceverete una guida su quali passi compiere per abbassare il livello di esposizione dei vostri dati personali.

Per accedere a Mine, accedete con il vostro account di posta elettronica Google o Microsoft. L'unica restrizione dell'accesso al servizio è per età, con obbligo di avere più di 16 anni o avere il consenso scritto di un genitore o tutore.

Io l'ho provato ed ho scoperto cose inquietanti...

Vai su Mine

 

Articoli correlati

Written on 07 Giugno 2017, 19.30 by maestroroberto
Nell’ultimo mese dal 30% al 45% dei navigatori italiani sono stati colpiti da una nuova minaccia, proveniente in particolare dai...
Written on 22 Dicembre 2015, 14.39 by maestroroberto
E’ ormai noto che Internet rappresenta una vastissima fonte di informazioni e che alcune di queste vengono utilizzate in maniera...
Written on 17 Novembre 2016, 21.03 by maestroroberto
I temi legati alla protezione dei dati personali e al rispetto della privacy sono tra i più delicati per ogni educatore che è...
Written on 20 Ottobre 2016, 17.52 by maestroroberto
Immagine: www.godsavethemarketing.it/ Il concetto di Internet è cambiato molto negli ultimi anni. Prima navigare online significava...
Written on 13 Maggio 2018, 10.26 by maestroroberto
Aprire un'e-mail, di questi tempi, può essere un azzardo! Ogni giorno infatti riceviamo sempre più messaggi su diversi temi, ma...
Written on 15 Giugno 2018, 16.29 by maestroroberto
Una delle ultime minacce ai nostri sistemi digitali è InvisiMole, un potente spyware in grado di trasformare il PC infetto in una...