Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


L'archivio delle vittime della Shoah: The Central Database of Shoah Victims' Names E-mail
Discipline - Storia
Mercoledì 02 Febbraio 2011 19:09
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

shoah

Il Central Database of Shoah Victims’ Names è un enorme archivio contente i nomi, brevi note biografiche e alcune schede identificative di più di 3 milioni di ebrei sterminati dal regime nazista.
Purtroppo questo lungo lavoro di catalogazione non sempre è completo, spesso ci sono foto senza i nomi corrispondenti, per cui ancora risulta impossibile identificare alcune delle vittime. Anche per questo motivo, lo Yad Vashem ha lanciato The Shoah Victims’ Names Recovery Project: un appello a inviare testimonianze, fotografie e dati biografici di vittime dell’Olocausto non ancora identificate.

Per operare una ricerca nel database è sufficente inserire un cognome. Io ho provato con "Ascoli", uno trai i più comuni cognomi nelle comunità ebraiche, ed mi sono state restituite ben 37 voci!

Articoli correlati

Written on 24 Maggio 2013, 15.45 by
Scoprii qualche tempo fa in Omnes Viae e mi ero ripromesso di parlarne, ma poi mi è passato di mente. Ora che ci sono ricapitato...
Written on 11 Giugno 2013, 15.56 by
National Geographic celebra nel corso di quest'anno 125 anni di pubblicazioni di immagini editoriali e storie relative ad esplorazioni in...
Written on 12 Novembre 2011, 19.59 by
Peccato sia in lingua spagnola, ma questa splendida visita virtuale nella Roma del I secolo d. C. merita assolutamente di essere...
Written on 20 Ottobre 2010, 18.52 by
Palmy è una collega che condivide la passione per il blogging e cura Mens Sana, spazio digitale in cui condivide esperienze e riflessioni sulla scuola e...
Written on 29 Marzo 2014, 20.00 by
  La piattaforma digitale de La Vita Scolastica propone una serie di itinerari di lavoro per la scuola primaria, integrando storia,...
Written on 04 Aprile 2013, 14.02 by
Ok, so già che la prima cosa che vi passerà in mente sarà: "E' tutto in lingua inglese!" Ma se vorrete...