Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Normativa: assegnazione funzioni strumentali E-mail
Docenti - Normativa
Mercoledì 19 Ottobre 2011 23:00
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Ho letto un interessante articolo apparso su Dirittoscolastico.it relativo ad una pronucia della Suprema Corte in merito all’assegnazione delle funzioni strumentali.
Viene ribadito che il Collegio docenti non può assegnarle con votazione segreta e che, in caso di più concorrenti, la scelta deve essere supportata da idonea motivazione, in virtù del principio di correttezza e buona fede.

In mancanza, il docente estromesso può ricorrere alla magistratura “senza che su di esso gravi anche l’onere di provare che le determinazioni dell’amministrazione, ove fossero state rispettose di tali regole procedimentali, sarebbero state a lui favorevoli” (Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, 15 luglio 2011, n. 15618).

 

 

La Suprema Corte si pronuncia in ordine all’attribuzione delle funzioni strumentali, stabilendo che il Collegio docenti non può assegnarle con votazione segreta e che, in caso di più concorrenti, la scelta deve essere supportata da idonea motivazione, in virtù del principio di correttezza e buona fede.

Nel caso in specie, una docente di un istituto calabrese aveva presentato domanda, per l’attribuzione di una funzione strumentale.

Tale domanda era stata accolta dalla Commissione nominata dal Collegio, ma, avendo l’Ufficio Scolastico ridotto il numero delle funzioni, la professoressa non era stata più nominata.

Successivamente veniva assegnata una nuova funzione alla scuola, ma da un lato il Preside incaricava un’altra docente per l’attività di orientamento (inclusa nell’area 3 delle funzioni strumentali dall’all. 3 del CCNI) senza rispettare le competenze del Collegio in materia, dall’altro il Collegio docenti decideva di posticipare all’anno seguente l’assegnazione della funzione stessa.

Da ciò il ricorso della professoressa, che era tra l’altro caduta in stato di depressione a causa dell’ingiustizia subita.

Il ricorso veniva respinto dal Tribunale nonché dalla Corte d’Appello di Reggio Calabria, ma è stato accolto dalla Suprema Corte di Cassazione che ha stabilito il seguente principio: “ Nel rapporto di impiego pubblico contrattualizzato l’Amministrazione datrice di lavoro e’ tenuta al rispetto dell’obbligo di correttezza e buona fede, che puo’ specificarsi anche in regole procedimentali poste dalla contrattazione collettiva sia di comparto che integrativa, quali nella specie l’obbligo di motivazione della scelta del collegio dei docenti quanto all’assegnazione delle funzioni obiettivo ai docenti della scuola pubblica, obbligo non soddisfatto dal mero esito di una votazione segreta; la violazione di tale obbligo puo’ essere denunciato dal dipendente senza che su di esso gravi anche l’onere di provare che le determinazioni dell’amministrazione, ove fossero state rispettose di tali regole procedimentali, sarebbero state a lui favorevoli“.

Articoli correlati

Written on 08 Settembre 2012, 15.47 by
In vista dell'inizio del nuovo anno scolastico il Garante per la protezione dei dati personali ha inviato a tutti i soggetti coinvolti...
Written on 05 Settembre 2011, 14.56 by
Inserisco un'utile guida per i docenti neoimmessi in ruolo o passati da un'ordine di scuola all'altro, elaborato dal sindacato CONIPT, che aiuta a...
Written on 27 Settembre 2011, 13.45 by
In un periodo in cui nelle scuole si cerca di comporre il mosaico di spezzoni orari da coprire, insorgono diversi problemi legati alla normativa sul...
Written on 16 Settembre 2010, 14.22 by
Dal sito della CGIL vi propongo una scheda riepilogativa sulle procedure relative alle supplenze temporanee del personale docente ed ATA, utile per i...
Written on 22 Settembre 2011, 20.31 by
Manovra dopo manovra sembra che si sia fatta chiarezza in merito alle novità sulle pensioni per il personale della scuola. Il sindacato SNALS ci aiuta...
Written on 29 Aprile 2013, 14.30 by
Molti colleghi mi hanno interpellato chiedendo un riferimento normativo relativo che chiarisse l'esistenza o meno di un tetto massimo di ore...