Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


E se al personale della scuola tagliassero lo stipendio per le giornate di chiusura per neve? E-mail
Docenti - Normativa
Mercoledì 29 Febbraio 2012 14:45
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Si stanno facendo largo tra gli "addetti ai lavori" in materia di normativa scolastica inquietanti interpretazioni legislative in merito al possibile taglio degli stipendi del personale della scuola (e di tutti i lavoratori in genere...), rimasti a casa durante le giornate di chiusura per neve.
Riporto integralmente un articolo da Tuttoscuola che, a mio modesto avviso, prefigurerebbe uno scenario a dir poco grottesco.

Uffici chiusi per neve? Il lavoratore perde la paga

Diverse Amministrazioni stanno inoltrando in questi giorni alla Funzione Pubblica alcuni quesiti volti ad acquisire norme di comportamento per definire la natura delle assenze dei propri dipendenti conseguenti a causa di forza maggiore per l’emergenza neve.

 

In sostanza si chiede di sapere se la mancata prestazione di lavoro dei dipendenti dovuta alla chiusura degli uffici per neve debba essere considerata valida (e retribuibile) ad ogni effetto oppure essere scomputata dai giorni di ferie o di permessi retribuiti.

La questione potrebbe riguardare anche il personale scolastico.

L’anno scorso l’Aran, rispondendo a quesiti in merito, aveva espresso il parere n. 50/2011, come riferisce “ItaliaOggi”, secondo cui i giorni non lavorati vanno scomputati dalle ferie o dai permessi retribuiti che spettano per contratto ai lavoratori.

Il quesito posto all'Aran riguardava la chiusura degli uffici pubblici e la conseguente mancata prestazione lavorativa per cause derivanti da “eventi naturali o per provvedimenti autoritativi che impongono la chiusura dell'amministrazione”. E il maltempo delle settimane scorse rientra certamente nelle cause di possibile impedimento richiamate.

L’Aran ha preliminarmente definito il concetto di “forza maggiore”, individuandolo in un evento non imputabile né ai lavoratori né al datore di lavoro.

Conseguentemente il datore di lavoro, secondo l’Aran, “non è tenuto a corrispondere la retribuzione per le ore di mancata prestazione” (citando l'articolo 2099 del codice civile e la sentenza della Cassazione, sez. lav., n. 481 del lontano 1984).

Ovviamente, se il parere verrà recepito dalla Funzione Pubblica e diramato alle Amministrazioni, la retribuzione verrà ugualmente corrisposta, ma a condizione che il dipendente chieda che i giorni di forzata assenza dagli uffici (o dalle scuole) non per colpa sua ma “per forza maggiore” siano considerati ferie o permessi personali. Altrimenti nessuna paga causa neve.

Tuttoscuola - 29 febbraio 2012

 

 

Articoli correlati

Written on 20 Febbraio 2012, 15.41 by
Il MIUR ha reso disponibile una guida per la procedura di compilazione della domanda di pensionamento online. Il documento, piuttosto corposo (72...
Written on 10 Dicembre 2011, 16.40 by
Il sito web del Corriere della Sera ha pubblicato un calcolatore elaborato da Progetica per scoprire quando andremo in pensione, alla luce delle...
Written on 22 Settembre 2011, 20.31 by
Manovra dopo manovra sembra che si sia fatta chiarezza in merito alle novità sulle pensioni per il personale della scuola. Il sindacato SNALS ci aiuta...
Written on 25 Agosto 2012, 19.49 by
Dopo ben 13 anni si riparla dunque di concorso per insegnanti, che metterà a disposizione poco meno di 12.000 cattedre, la...
Written on 13 Settembre 2012, 17.12 by
Chi, come il sottoscritto, si occupa di documentazione didattica si trova spesso ad interrogarsi sulla legittimità o meno di un...
Written on 15 Novembre 2013, 17.37 by
Vecchio dilemma: l'insegnante di sostegno è obbligato a sostituire colleghi di classe in caso di loro...