Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Come spendere i 500 euro del bonus nella Circolare del MIUR E-mail
Docenti - Normativa
Scritto da Administrator   
Venerdì 16 Ottobre 2015 16:52
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Il MIUR ha inviato stamattina alle scuole la Circolare "Carta del docente. Istruzioni operative", che illustra come potranno essere spesi i 500 euro del Bonus per l'autoformazione, come previsto all'interno della legge sulla Buona Scuola.

Da lunedì 19 ottobre saranno accreditati i 500 euro ai docenti con un'emissione straordinaria che non sarà cumulata allo stipendio. Le spese da rendicontare saranno quelle effettuate nel corso di questo anno scolastico e dunque dal 1 settembre 2015 al 31 agosto 2016.

La dichiarazione delle spese effettuate, completa di scontrini e ricevute dovrà essere consegnata alle segreterie scolastiche entro il 31 agosto 2016 e saranno poi i Revisori dei conti a controllare se la spesa sarà conforme all'autoformazione. Nel caso in cui la somma sarà utilizzata in maniera non conforme alle finalità indicate dalla legge, cioè la formazione e la valorizzazione delle competenze professionali, o non rendicontata o rendicontata in maniera incompleta, la stessa sarà destratta dalle risorse assegnate l'anno successivo, quando sarà consegnata ai docenti una vera e propira card con la somma precaricata.

Nel caso in cui non si utilizzassero per intero i 500 euro si potrà disporre della cifra residua nell'anno scolastico successivo.

Destinatari del Bonus sono tutti i docenti di ruolo a tempo indeterminato delle istituzioni scolastiche statali, sia a tempo pieno che a part-time, compresi i docenti che sono in periodo di formazione e prova.

Ecco in sintesi come potranno essere spesi i 500 euro :

  • acquisto di libri e testi, di hardware e software;
  • iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti il profilo professionale.
  • ingresso a musei, mostre, spettacoli, cinema, concerti.

Avranno diritto al bonus anche i docenti di religione cattolica in quanto non si tiene conto del tipo di insegnamento svolto, quanto piuttosto il tipo di rapporto di lavoro, l'essere docente «di ruolo».

A breve sarà inviata alle scuole una nota ancora più specifica per quanto concerne la rendicontazione delle spese sostenute.

Ancora non c'e' chiarezza su alcuni aspetti, come le eventuali spese superiori ai 500 euro, oppure sui costi aggiuntivi dei corsi di formazione (spese alberghiere, ecc). Si attendono ulteriori chiarimenti.

Scarica la nota "Carta del docente. Istruzoni operative"

Fonte: OrizzonteScuola

Articoli correlati

Written on 21 Novembre 2018, 16.34 by maestroroberto
Immagine: www.oggiscuola.com Siete alla ricerca della vostra posizione giuridico-economica, di quante tasse vi vengono trattenute in...
Written on 01 Dicembre 2015, 14.32 by maestroroberto
Il MIUR ha aggiunto 3 nuove FAQ sul Comitato di Valutazione che entrano nel merito di alcuni aspetti che sono stati oggetto di confronto nei...
Written on 13 Novembre 2016, 18.46 by maestroroberto
Finalmente si sa qualcosa sulla cosiddetta Carta del Docente, che metterà a disposizione i 500 euro (o meno se non è...
Written on 12 Dicembre 2015, 15.13 by maestroroberto
Il MIUR ha realizzato una guida utile per i colleghi che dovranno elaborare il PTOF entro il 16 gennaio (salvo ulteriori...
Written on 09 Giugno 2018, 16.35 by maestroroberto
Una delle antiche abitudini dei docenti, quando i cedolini arrivavano in cartaceo, era quella di conservarli tutti all'interno di cartelle o...
Written on 18 Maggio 2017, 13.30 by maestroroberto
Sembra che questa sia la volta buona! I mille euro promessi per l'attività connessa alle funzioni di Animatore Digitale stanno...