Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


G Suite e il rispetto del GDPR E-mail
Risorse - Sicurezza
Scritto da Administrator   
Mercoledì 21 Ottobre 2020 14:52
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

Immagine: www.cobry.co.uk/

Recentemente qualcuno si è divertito a fare un pò di terrorismo sulle garanzie in termini di rispetto del GDPR e quindi di tutto ciò che ha a che fare col trattamento dei dati personali di G Suite for Education.

Certo, il fatto che questa piattaforma sia di gran lunga la più usata dalle scuole, rappresenta uno stimolo alla ricerca di eventuali falle in termini di sicurezza. 

Provo a fare chiarezza e a tranquillizzare tanti colleghi che hanno investito molte ore in formazione sui vari strumenti di G Suite.

Possiamo disporre infatti di una serie di documenti che ci fanno dormire sonni tranquilli in quanto a rispetto delle norme previste dal GDPR.

Ecco i documenti più importanti:

  • Rispetto del Regolamento GDPR in G Suite e Google Clud Platform, dove trovate come vengono trattati i dati.
  • Catalogo dei servizi Cloud per la Pubblica Amministrazione qualificati AGID, in cui, ricercando G Suite, troverete i report e la certificazione di piattaforma che garantisce i requisiti di sicurezza informatica (vedi circolari AGID n. 2 e 3 del 2018)
  • Conformità e certificazioni
  • Privacy Shield: accordo tra Europa e USA per cui chi aderisce si impegna a trattare i dati come previsto dalla normativa europea. SI precisa che nella versione G Suite for Education non è possile scegliere di utilizzare solo server europei, come avviene per G Suite Enterprise. Ma grazie a questo accordo siamo comunque certi che G Suite tratta i dati come l'Europa chiede che vengano trattati. Oltretutto occorre sapere che più siu spacchettano i dati personali e più si garantisce la non trasferibilità del dato in caso di anomalia in uno dei server. In realtà la sentenza Shrems II per i diritti e le libertà dei cittadini UE del luglio 2020, rende nullo questo accordo e Google, come tutti gli altri colossi del digitale ha cancellato il riferimento al Privacy Shield, sostituendolo con il riferimento alle Clausole Contrattuali Standard. L' articolo 46, paragrafo 2, lettera c), del GDPR, richiede che il diritto del paese terzo di destinazione garantisca una protezione adeguata, alla luce del diritto dell’Unione, dei dati personali trasferiti sulla base di clausole tipo di protezione dei dati fornendo, se necessario, garanzie supplementari rispetto a quelle offerte da tali clausole. Google sta definendo le “garanzie ulteriori” per implementare il livello di sicurezza. 

Detto questo, grazie soprattutto al conforto dell'AGID che in questo caso diventa fondamentale, ritengo che possiate continuare tranquillamente ad usare G Suite for Education, senza alcuna paura...

 

 

Articoli correlati

Written on 19 Luglio 2019, 16.06 by maestroroberto
L'estate è il periodo di relax per gran parte degli Italiani che staccano la spina e si concedono un po’ di meritato...
Written on 30 Maggio 2017, 20.06 by maestroroberto
Il vamping, ovvero la tendenza dei ragazzi a navigare su Internet durante la notte - e già diffusa tra gli adolescenti - ha ora contagiato...
Written on 09 Settembre 2019, 18.06 by maestroroberto
Come ribadito più volte, si sta sempre più abbassando l'età degli utenti che inziano ad interagire con piattaforme...
Written on 09 Aprile 2015, 17.03 by maestroroberto
Mspy è un software per monitorare smartphone e tablet, non rintracciabile, che vi informa sui SMS, chiamate effettuate/ricevute,...
Written on 12 Febbraio 2016, 13.58 by maestroroberto
foto: ustation.it Avete una nuova ragazza o un nuovo ragazzo? Condividete. Avete trascorso una splendida vacanza? Condividete....
Written on 30 Dicembre 2015, 18.27 by maestroroberto
Secondo le stime di UN e dell'FBI in qualsiasi momento della giornata ci sono 750.000 uomini online che cercano materiale...