Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Ransomware: l'ultima frontiera dei virus E-mail
Risorse - Sicurezza
Scritto da Administrator   
Lunedì 02 Febbraio 2015 14:21
smaller text tool iconmedium text tool iconlarger text tool icon

 

immagine: newsbtc.com/2015/01/26/bitcoin-ransomware-ctb-locker-loose-watch-spam-folders/

Nel panorama già complesso ed insidioso degli attacchi informatici ci mancavano solo i virus... con richiesta di riscatto!

Si chiamano Ransomware e sono dei trojan progettati per estorcere denaro alle loro vittime. Un ransomware richiede infatti un pagamento in cambio dell'annullamento delle modifiche che un particolare virus trojan ha apportato al computer "infettato".

Queste modifiche possono essere:

  • la crittografia dei dati memorizzati sul disco della vittima, impedendo in tal modo l'accesso alle informazioni
  • il blocco del normale accesso al sistema della vittima.

Un ransomware riesce a penetrare nei pc attraverso due modalità: attraverso e-mail di phishingquando si accede a un sito Web contenente un programma nocivo.

Una volta installato, il virus crittografa le informazioni memorizzate sul computer della vittima oppure impedisce il normale funzionamento del computer, lasciando anche un messaggio con una richiesta di pagamento per decrittografare i file o ripristinare il sistema. Nella maggior parte dei casi, la richiesta di riscatto appare quando l'utente riavvia il computer dopo l'avvenuta infezione.

Sono moltissime le varianti dei ransomware, ma uno dei più diffusi è CTB-Locker che richiede un riscatto di 200/500 euro circa 4 giorni dopo essere entrato in azione ed avere crittografato i file dei computer. Trascorso questo tempo i file colpiti diventano irrecuperabili.

La diffusione di CTB-Locker avviene attraverso la posta elettronica e l'infezione si attiva aprendo l'allegato contenuto in una e-mail contenente le informazioni su uno pseudo acquisto di materiale informatico.

Come difendersi da questa ennesima insidia?  Ricordate innanzitutto di non aprire mai messaggi di posta elettronica contenenti allegati da utenti sconosciuti. Sappiate che i messaggi di posta elettronica contenenti malware sono frutto di tenciche di ingegneria sociale (dall'inglese social engineering) particolarmente subdole e in grado di trarre in inganno.

Altra raccomandazione è quella di tenere sempre l'antivirus aggiornato, considerata la mutazione pressochè quotidiana di questi trojan. 

Attenzione infine a fidarvi di pagine web che vi invitano a scaricare software gratuiti, indicati come soluzioni ideali per rimuovere CTB-Locker e decriptare i file compromessi. Occhio... sono a loro volta untori di malware! 

Articoli correlati

Written on 22 Febbraio 2010, 16.14 by maestroroberto
Alcuni colleghi mi hanno chiesto di suggerire qualche programma per evitare che gli alunni, durante la navigazione in rete, si imbattano in...
Written on 22 Dicembre 2015, 14.39 by maestroroberto
E’ ormai noto che Internet rappresenta una vastissima fonte di informazioni e che alcune di queste vengono utilizzate in maniera...
Written on 22 Aprile 2016, 15.40 by maestroroberto
I ricercatori di ESET, il più grande produttore di software per la sicurezza digitale dell'Unione Europea, hanno recentemente...
Written on 19 Agosto 2020, 16.12 by maestroroberto
  Gli utenti che preferiscono navigare da smartphone crescono di giorno in giorno. Le attività di intrattenimento come streaming...
Written on 13 Luglio 2016, 16.15 by maestroroberto
immagine: www.macitynet.it Spazzolino da denti? Preso. Telo da mare? Preso. Computer, smartphone, tablet? Presi. Se siete tra quei...
Written on 20 Settembre 2016, 15.30 by maestroroberto
Che si tratti di Pokémon Go, Grand Theft Auto o World of War Craft, i giochi online possono creare una certa dipendenza e una nuova...