Maestro Roberto - Tecnologie e didattica

Iscriviti alla Newsletter (no @hotmail - @live)


Opinioni
I nuovi modelli orari fanno fiasco! PDF Stampa E-mail
Scuola
Giovedì 29 Gennaio 2009 16:25

Da alcuni giorni il sito del TG1 Rai ospita un sondaggio per rilevare i "desiderata" delle famiglie sui 4 modelli orari presenti nel modello di iscrizione alle future prime classi della scuola primaria.
I vari conduttori dei telegiornali hanno sempre accompagnato le notizie che arrivavano da viale Trastevere con l'invito ad esprimere questa preferenza ed ho ragione di credere che ci fossero grandi aspettative per il Ministro rispetto ai risultati che ne sarebbero derivati, visto che la redazione di questo telegionale, come quella dell'intera rete, non è senz'altro accusabile di antipatie verso l'attuale maggioranza e considerato il modo alquanto distorto con cui sono state diffuse le novità introdotte dalla Circolare  sulle iscrizioni.

Vorrei ricordare che il sistema di votazione era sicuramente serio in quanto, ad esempio, era impossibile ripetere più di un voto dallo stesso pc.
Ma da alcuni giorni è calato un silenzio assoluto sui risultati che pubblico allo stato attuale:

 

Il perchè è evidente: i 2 nuovi modelli orari introdotti (e garantiti... sigh!) a 24 e 27 ore settimanali senza materie opzionali sono stati scelti dal 6% delle famiglie, mentre i modelli a 30 e 40 ore settimanali, che rappresentano la quasi totalità delle soluzioni organizzative attualmente presenti nelle scuole, vedono un 94% di consensi.

 
Gli sprechi nella scuola di cui nessuno (o quasi) parla PDF Stampa E-mail
Scuola
Venerdì 23 Gennaio 2009 13:10

La grande e più che giustificata preoccupazione di tanti docenti in vista del prossimo anno scolastico, nasce dallo sconvolgimento che si determinerà dal punto di vista organizzativo per la probabile diminuzione del tempo scuola (a partire dalle prime) e dalla cancellazione delle compresenze (in tutte le classi), che si rifletterà inevitabilmente sull'impossibilità di garantire una continuità didattica, di poter assicurare agli alunni esperienze didattiche laboratoriali o visite guidate, di poter individualizzare adeguatamente l'insegnamento. Il tutto sacrificato sull'"altare" del taglio alle spese dello Stato.
Ma siamo proprio sicuri che nella  scuola l'origne degli sprechi sia il personale? Ma è poi vero quanto disse il ministro dell'economia: "Sappiamo tutti che la pluralità docente è un valore che mette la scuola primaria italiana ai primi posti nel mondo, ma non ce la possiamo permettere..."?

 
Per una scuola di qualità PDF Stampa E-mail
Scuola
Giovedì 15 Gennaio 2009 14:28

E' indubbio che un risultato è stato raggiunto grazie alla Riforma della scuola: dopo tanto tempo insegnanti, genitori e, per la scuola superiore e l'università, alunni sono tornati ad incontrarsi, a confrontarsi, a far sentire alta la loro voce per combattere in difesa di un diritto fondamentale in tutti i Paesi del mondo:  una scuola di qualità.

E sono nati per questo scopo comitati spontanei,  associazioni trasversali in difesa della scuola pubblica, ultimo baluardo in difesa dell'autonomia e la libertà delle future generazioni.Nel mio piccolo cerco di apportare un modesto contributo inserendo il video realizzato dal "Comitato di zona 3 di Milano", che in modo simpatico, ironico ma assai efficace illustra lo stato delle cose attuali, i risultati raggiunti e la strada ancora da percorrere. 

Articoli correlati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.robertosconocchini.it/home/modules/mod_aidanews2/helper.php on line 631

 
Iscrizioni: istruzioni per l'uso PDF Stampa E-mail
Scuola
Lunedì 05 Gennaio 2009 23:56

Nell'incertezza più totale in merito ai modelli organizzativi da proporre alle famiglie e alle certezze sull'effettiva possibilità di corrispondere a tali richieste visto che solo successivamente sapremo quale sarà l'organico assegnato a ciascun Istituto, credo diventi importante creare i presupposti affinchè i genitori capiscano l'importanza di scegliere modelli orari che contemplino il massimo delle ore possibili (30 per il tempo normale in alternativa alle 40 per il tempo pieno).
A questo proposito inoltro un documento molto interessante ed utile redatto dal Movimento Genitori Democratici in data 19 dicembre 2008
 

Ai genitori
Sono stati approvati dal Consiglio dei Ministri due schemi di regolamento, l'uno che concerne la riorganizzazione della rete scolastica e dell'utilizzo delle risorse umane, l'altro il riordino dell'assetto ordinamentale, organizzativo e didattico della scuola dell'infanzia e del primo ciclo.
Sconcerta l'incoerenza del Governo che si era impegnato ad avviare il dialogo con il mondo della scuola e le sue rappresentanze e la decisione di procedere ad emanare gli stessi regolamenti, senza alcun confronto.

 
Auguri di Buon Anno PDF Stampa E-mail
Scuola
Lunedì 05 Gennaio 2009 23:47

Per salutare il nuovo anno preferisco rivolgere i miei migliori auguri soprattutto a quanti, nella nostra categoria, attendono con ansia di sapere se il prossimo settembre riuscirà ancora ad ottenere un incarico annuale, come avviene da 20 anni a questa parte... perchè se per qualcuno il problema dopo la Riforma è COME lavorare, per molti, moltissimi altri la questione ben più grave è SE lavorare.

 

Articoli correlati

Articoli correlati

Warning: Invalid argument supplied for foreach() in /web/htdocs/www.robertosconocchini.it/home/modules/mod_aidanews2/helper.php on line 631

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 8